Articoli e news

16/09/2013 10:21

Revisori legali e il nuovo registro

Sole 24 Ore e Italia Oggi hanno dedicato alcuni articoli di approfondimento agli adempimenti in scadenza il 23 settembre a carico dei revisori legali che vogliono iscriversi nel nuovo registro, anche alla luce dei chiarimenti pubblicati sul sito del Mef.

Leggi tutto...

16/09/2013 10:20

Enti pubblici tenuti alla contabilità civilistica

Enti pubblici tenuti alla contabilità civilistica, a seguito del chiarimento fornito in data 10 settembre dalla Ragioneria generale dello stato con la circolale n° 35 ...

Leggi tutto...

05/09/2013 12:17

Perdite su crediti concorsuali e periodo di deducibilità

L’art. 101, co. 5, secondo periodo, del D.P.R. n. 917/1986 riconosce la rilevanza fiscale delle perdite su crediti a partire dalla data di apertura della procedura concorsuale, senza, tuttavia, considerare i diversi momenti successivi – sino alla chiusura del relativo iter – in cui è possibile individuare, con ragionevole oggettività, la parte di credito effettivamente non più recuperabile.

Leggi tutto...

05/09/2013 12:14

Lease back, civilistica e principi contabili

L’operazione di “sale and lease back” rappresenta un contratto atipico con il quale un determinato soggetto cede, a fronte di un corrispettivo, un proprio bene ad una società di leasing, la quale concede il medesimo cespite, in locazione finanziaria, allo stesso venditore. Quest’ultimo, al termine del contratto di locazione, e previo esercizio del diritto di riscatto, potrà rientrare nella piena disponibilità del bene. In altri termini, l’operazione in parola – che rappresenta una particolare forma di finanziamento – permette al soggetto proprietario di un bene di ottenere della liquidità immediata, senza che ciò precluda allo stesso di beneficiare della disponibilità del bene ceduto, potendo, invece, continuare ad utilizzarlo, nello svolgimento della propria attività di impresa. Dalla vendita del bene alla società di leasing potrebbe emergere una plusvalenza, il cui trattamento contabile è definito dall’art. 2425-bis c.c., secondo cui ”le plusvalenze derivanti da operazioni di compravendita con locazione finanziaria al venditore sono ripartite in funzione della durata del contratto di locazione”.

Leggi tutto...

18/06/2013 09:29

Professionisti e indagini finanziarie con ordinanza 27/29/2013

Il Sole 24 Ore dedica un articolo ai controlli sui professionisti, in particolare quelli legati alla presunzione a favore del Fisco che trasforma i prelievi bancari senza indicazione del beneficiario in compensi non dichiarati.

Leggi tutto...

18/06/2013 09:28

Registro revisori innativi

ItaliaOggi informa che è online sul portale della revisione legale del Mef il modello RL-99 da utilizzare per l’iscrizione nella sezione ‘inattivi’ del registro dei revisori legali.

Leggi tutto...

Esempio di lettera di attestazione : fonte assirevi .it

Spettabile

Con riferimento all'incarico di revisione contabile ai sensi dell’ex art.2409-ter del Codice Civile, del bilancio d'esercizio della ------------------al 31 dicembre 2009 che mostra un patrimonio netto di euro ---------------- , comprensivo di una perdita di euro -------- , Vi confermiamo, per quanto a nostra conoscenza, le seguenti attestazioni, già portate alla Vostra attenzione nello svolgimento del Vostro esame.

  1. La finalità dell'incarico a Voi conferito è di esprimere il Vostro giudizio professionale che il suddetto bilancio presenti la situazione patrimoniale-finanziaria ed il risultato economico della --------------------   in conformità alle norme di legge interpretate e integrate dai principi contabili emessi dai Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri nonché dall'Organismo Italiano di Contabilità. In relazione al Vostro incarico di revisione contabile vi confermiamo che è nostra la responsabilità che il bilancio d'esercizio sia redatto con chiarezza e rappresenti in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale-finanziaria e il risultato economico d'esercizio della società.
  2. Vi confermiamo che nell’ambito dell’incarico a Voi conferito esprimerete altresì il giudizio di coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio d’esercizio. E’ nostra la responsabilità della redazione della relazione sulla gestione relativa al bilancio d’esercizio al 31/12/2009 in conformità alle norme di legge [e ai regolamenti]; Vi confermiamo, pertanto, che la stessa presenta tutte le informazioni richieste dalla normativa vigente e che tali informazioni sono coerenti con il bilancio d’esercizio [e con il bilancio consolidato]. Vi confermiamo, altresì, che siamo consapevoli che l’attività di vostra competenza circa la relazione sulla gestione comporta lo svolgimento di procedure, volte all’espressione di un giudizio sulla coerenza delle informazioni in essa fornite con il bilancio d’esercizio [e con il bilancio consolidato], poste in essere secondo quanto previsto dal Principio di Revisione n. PR 001. Siamo altresì consapevoli che il Principio di Revisione 001, con riguardo alle Altre Informazioni, come ivi definite, non richiede al revisore lo svolgimento di specifiche procedure se non una lettura di insieme di tali Altre Informazioni, mediante l’esercizio in tale lettura del suo spirito critico, sulla base della conoscenza della società o del gruppo e di quanto acquisito nello svolgimento della revisione contabile. Al fine dell’espressione del vostro giudizio sulla coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio, vi confermiamo che siamo consapevoli che esiste un’incoerenza in presenza di una situazione di contraddizione tra le Informazioni, come definite nel Principio di Revisione n. PR 001, contenute nella relazione sulla gestione e quelle contenute nel bilancio e che tale incoerenza è significativa quando è in grado di influenzare le decisioni economiche che gli utilizzatori del bilancio assumono sulla base del medesimo. Siamo consapevoli che, data la natura delle Altre Informazioni finanziarie non basate su dati storici o basate su elaborazioni complesse di dati storici, la lettura critica di queste ultime potrebbe non consentire di identificare eventuali incoerenze significative. Siamo infine consapevoli che il Vostro giudizio non rappresenta un giudizio di conformità né di rappresentazione veritiera e corretta della relazione sulla gestione rispetto alle norme di legge [e regolamenti] che ne disciplinano il contenuto.
    1. Il bilancio è stato predisposto nella prospettiva di continuità dell'impresa; in particolare, Vi confermiamo che riteniamo appropriato il presupposto della continuità aziendale che sottende la preparazione del bilancio, prendendo a riferimento un periodo futuro di almeno 12 mesi dalla data di bilancio.
    2. Vi confermiamo che la responsabilità di valutare l'adeguatezza dell'assetto organizzativo, amministrativo e contabile della Società alla natura e alle dimensioni dell'impresa, nonché di   implementare   e   adottare   le   necessarie  misure   per  la  sua  attuazione   appartiene al Consiglio di Amministrazione. Vi confermiamo altresì che ad oggi, da tali nostre attività, non sono emersi significativi elementi che possano incidere sulla correttezza del bilancio.
    3. Alcune delle attestazioni incluse nella presente lettera sono descritte come aventi natura limitata agli aspetti significativi. In proposito, Vi confermiamo che siamo consapevoli che le omissioni o gli errori nelle voci di bilancio e nell'informativa contenuta nella nota integrativa e nella relazione sulla gestione sono significativi quando possono, individualmente o nel complesso, influenzare le  decisioni  economiche  degli  utilizzatori  prese   sulla base  del  bilancio  stesso.   La significatività dipende dalla dimensione e dalla natura dell'omissione o dell'errore valutata a seconda delle circostanze. La dimensione o la natura della voce interessata dall'omissione o dall'errore, o una combinazione delle due, potrebbe costituire il fattore determinante.
    4. Vi confermiamo, per quanto di nostra conoscenza:

a)        che le scritture contabili riflettono accuratamente e compiutamente tutte le operazioni della Società. Allo stato attuale delle nostre conoscenze, tutte le operazioni poste in essere sono state compiute secondo corretti criteri di gestione, sono legittime, sia sotto l'aspetto formale sia sotto l'aspetto sostanziale, e inerenti all'attività sociale. Tutti i costi ed oneri, i ricavi e proventi, gli incassi e gli esborsi, nonché gli impegni   sono pienamente rappresentati in contabilità in modo veritiero e corretto e trovano adeguata documentazione di supporto emessa in conformità alla legislazione vigente. Non esistono attività, passività, costi o ricavi non riflessi in bilancio;

b)        che la documentazione messa a Vostra disposizione ai fini dell'espletamento del Vostro incarico è completa, autentica e attendibile e che le informazioni ivi contenute sono corrette ed esatte. In particolare abbiamo messo a Vostra disposizione:

  1. tutte le scritture contabili ed i relativi supporti documentali ed informativi;
  2. i libri sociali completi e correttamente tenuti, nonché i verbali e le bozze delle riunioni  non  ancora trascritte  nei  libri  in  questione,  in  forma comunque sostanzialmente definitiva.

iii. che, a nostra conoscenza, non esistono ulteriori accordi, impegni, controdichiarazioni, side letters, intese, anche di natura verbale, né ulteriori operazioni o atti di gestione rispetto a quanto diligentemente riportato nelle scritture contabili;

c)                  che è nostra responsabilità l'implementazione e il funzionamento di un adeguato sistema di controllo interno sul reporting finanziario volto, tra l'altro, a prevenire e ad individuare frodi e/o errori;

d)       che non siamo a conoscenza di casi di frodi o sospetti di frodi, con riguardo alla Società, che hanno coinvolto:

-          il management;

-          i dipendenti con incarichi di rilievo nel sistema di controllo interno sul reporting finanziario; o

-          altri soggetti, anche terzi, la cui frode o sospetta frode potrebbe avere inciso in modo sostanziale sul bilancio;

f)                   che non siamo a conoscenza di dichiarazioni di frode o sospetti di frode, con riguardo alla Società, relativi al bilancio fatte da dipendenti, ex-dipendenti, analisti, autorità pubbliche o altri soggetti;

g)        come già portato alla Vostra conoscenza, la nostra valutazione del rischio che l'attendibilità del bilancio della Società possa essere significativamente compromessa a causa di frodi ha portato al seguente risultato: il rischio non sussiste;

h)    che siamo consapevoli che il termine "frode" include gli errori in bilancio derivanti da appropriazioni illecite di beni ed attività dell'impresa e gli errori derivanti da una falsa informativa economico-finanziaria. La falsa informativa economico-finanziaria comporta errori intenzionali, inclusa, l'omissione in bilancio di importi o di un'informativa adeguata, al fine di ingannare gli utilizzatori dello stesso. L'appropriazione illecita di beni ed attività comporta la sottrazione di beni dell'impresa ed è spesso accompagnata da registrazioni contabili e da altra documentazione falsa, ingannevole o fuorviante atte a dissimulare la mancanza dei beni e attività o la cessione degli stessi senza un'adeguata autorizzazione, ovvero ancora il loro utilizzo come garanzie senza la necessaria autorizzazione.

  1. Vi confermiamo che è stato correttamente identificato il soggetto che svolge l'attività di direzione e coordinamento e che

a)        il prospetto riepilogativo allegato alla nota integrativa contiene i dati essenziali della società alla cui attività di direzione e coordinamento siamo soggetti è stato predisposto in base ai dati risultanti dall'ultimo bilancio approvato della società;

b)        è stata fornita, nella relazione sulla gestione, puntuale informazione circa i rapporti intercorsi con la società che esercita attività di coordinamento e con le altre società che vi sono soggette e l'effetto che tale attività ha avuto sull'esercizio sociale e sui risultati conseguiti.

  1. Vi confermiamo di aver adottato un modello organizzativo, ai sensi del D.Lgs. 231/2001, idoneo ad individuare e prevenire le condotte penalmente rilevanti poste in essere dalla Società o dai soggetti sottoposti alla sua direzione e/o vigilanza.
  2. Non vi sono state operazioni atipiche o inusuali, oltre a quelle evidenziate in bilancio.
    1. Vi confermiamo,con la precisazione di cui al precedente paragrafo 5, che il bilancio d'esercizio non è inficiato di errori significativi, incluse le omissioni.

11.  Vi confermiamo inoltre che non vi sono state comunicazioni del Collegio Sindacale o denunzie di fatti censurabili relativamente alla società né segnalazioni di fatti o circostanze anomali che potrebbero, in caso di riscontro, rappresentare fatti censurabili.

12.  Non vi sono state, limitatamente agli aspetti che possono avere un effetto significativo sul bilancio:

a)        irregolarità da parte di Amministratori, Dirigenti ed altri dipendenti della Società  che rivestano   posizioni   di   rilievo   nell'ambito   del   sistema   di   controllo   interno amministrativo;

b)        irregolarità da parte di altri dipendenti della Società;

c)        notifiche da parte di amministrazioni pubbliche, autorità giurisdizionali o inquirenti, organismi di controllo pubblico o autorità indipendenti di vigilanza (CONSOB, Ministeri,  Tribunali,  Guardia di  Finanza,  Uffici  imposte,  Autorità garanti  della concorrenza e del mercato, ecc.) aventi ad oggetto richieste di informazioni o chiarimenti, nonché provvedimenti inerenti l'inosservanza delle vigenti norme.

d)                violazioni o possibili violazioni di leggi o regolamenti;

e)        inadempienze di clausole contrattuali;

f)         violazioni del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre 2007 (Legge Antiriciclaggio);

g)    violazioni della Legge 10 ottobre 1990, n. 287 (cosiddetta Antitrust);

h)    operazioni al di fuori dell'oggetto sociale;

i)     violazioni della Legge sul finanziamento ai partiti politici.

13.  Vi confermiamo, con la precisazione di cui al precedente punto 2, che la relazione sulla gestione non contiene incoerenze significative con il bilancio d’esercizio quali, ad esempio:

1. differenze fra dati, importi o commenti forniti in bilancio, o riconducibili al bilancio stesso, e quelli riportati nella relazione sulla gestione

2. contraddizioni fra dati e importi contenuti nel bilancio, o riconducibili al bilancio stesso, e relativi commenti forniti nella relazione sulla gestione;

3. informazioni fornite nella relazione sulla gestione secondo criteri di presentazione e di misurazione diversi da quelli utilizzati in bilancio, in assenza di appropriati commenti che ne permettano la riconducibilità al bilancio

14.  Non vi sono, in aggiunta a quanto illustrato in nota integrativa:

a)        potenziali richieste di danni o accertamenti di passività che, a parere dei nostri legali, possano probabilmente concretizzarsi e quindi tali da dover essere evidenziate nel bilancio come passività, così come definite nel successivo punto b);

b)        passività significative, perdite potenziali per le quali debba essere effettuato un accantonamento in bilancio d'esercizio e/o consolidato, oppure evidenziate nelle note integrative, e utili potenziali che debbano essere evidenziati nelle note integrative. Siamo consapevoli che la dizione "utile o perdita potenziali" si riferisce ad una "potenzialità"   ovvero   ad   una   situazione,   condizione,   circostanza   o   fattispecie caratterizzate da uno stato d'incertezza, le quali, al verificarsi di uno o più eventi futuri potranno concretizzarsi per la Società in una perdita o un utile, confermando il sorgere di una passività o la perdita totale o parziale di un'attività, ovvero l'acquisizione di una attività o la riduzione di una passività. Tali potenzialità non includono le incertezze legate ai normali processi di stima necessari per valutare talune poste di bilancio in una situazione di normale prosecuzione dell'attività aziendale;

c)        significative operazioni non correttamente rilevate nelle scritture contabili e quindi nei bilanci;

d)                eventi occorsi in data successiva al 31 dicembre 2009 tali da rendere l'attuale situazione patrimoniale-finanziaria sostanzialmente diversa da quella approvata dagli organi della società, tale da richiedere rettifiche o annotazioni integrative al bilancio d'esercizio;

e)        atti compiuti in violazione dell'art. 2357 e successivi del Codice Civile in materia di acquisto di azioni proprie e di azioni della controllante;

f)         accordi con istituti finanziari che comportino compensazioni fra conti attivi o passivi o accordi che possano provocare l'indisponibilità di conti attivi, di linee di credito, o altri accordi di natura similare;

g)        accordi di riacquisto di attività precedentemente alienate;

h)        perdite che si devono sostenere in relazione all'evasione o incapacità di evadere gli impegni assunti;

i)          perdite che si devono sostenere in relazione ad impegni assunti per

l'acquisto di voci di magazzino eccedenti il normale fabbisogno o a prezzi superiori a quelli di mercato, o relative alla valutazione di giacenze di magazzino obsolete;

j)          perdite  durevoli  di valore  relative  ad immobilizzazioni materiali,  immateriali  e finanziarie ed investimenti fissi non utilizzati e/o obsoleti aventi un valore di bilancio significativo che debbano essere svalutati per perdite di valore.

15.  Non sono previsti programmi futuri o intendimenti che possano alterare significativamente il valore di carico delle attività o delle passività o la loro classificazione o la relativa informativa nel bilancio d'esercizio.

  1. Sono state portate a Vostra conoscenza tutte le informazioni relative ai seguenti punti, ove applicabili: a) intestazioni fiduciarie; b) impegni assunti o accordi stipulati in relazione ad acquisti o cessioni di crediti, di partecipazioni, di rami d'azienda o di altri beni, e garanzie di redditività sui beni venduti o accordi per il riacquisto di attività precedentemente alienate; c) impegni assunti o accordi stipulati in relazione a strumenti derivati riguardanti valute, tassi  d'interesse,  beni   (ad  es.   merci  o  titoli)  e  indici;  d)  impegni  di  acquisto  di immobilizzazioni tecniche ovvero impegni di acquisto, di vendita o di altro tipo di natura straordinaria e di ammontare rilevante; e) perdite o penalità su ordini di vendita o di acquisto e su contratti in corso di esecuzione; f) impegni per trattamenti economici integrativi (correnti o differiti) con il personale, gli agenti o altri; g) impegni esistenti per contratti di affitto o di leasing; h) affidamenti bancari ed accordi sui tassi di interesse; i) impegni cambiari, avalli, fidejussioni date o ricevute; l) effetti di terzi ceduti allo sconto od in pagamento, ma non ancora scaduti; m) Opzioni di riacquisto di azioni proprie o accordi a tale fine, azioni soggette a opzioni, "Warrant", obbligazioni convertibili o altre fattispecie similari. Le operazioni effettuate e le situazioni esistenti relative ai sopraccitati punti sono state correttamente contabilizzate nei bilanci e/o evidenziate nei conti d'ordine o nella nota integrativa.

17.  La società e il Gruppo esercitano pieni diritti su tutte le attività possedute e non vi sono pegni o vincoli su di esse, né alcuna attività è soggetta a ipoteca o altro vincolo.

18.  Nella nota integrativa e nella relazione sulla gestione del bilancio d’esercizio sono state fornite le informazioni in tema di strumenti finanziari e strumenti finanziari derivati richieste dagli artt. 2427-bis e 2428, comma 3, punto 6 bis) del Codice Civile e dagli artt. 38 e 40 del D.Lgs. 127/1991. In particolare gli importi indicati rappresentano la nostra miglior stima del fair value degli strumenti finanziari e degli strumenti finanziari derivati in accordo con la normativa vigente e con i criteri indicati dal Principio contabile OIC 3. Riteniamo che i metodi di valutazione e le assunzioni utilizzate nella determinazione del fair value siano stati applicati in maniera coerente, siano ragionevoli e riflettano appropriatamente le nostre intenzioni di perseguire specifiche azioni future, laddove pertinenti alla determinazione del fair value.

19.   Le imposte sul reddito sono state determinate mediante una corretta interpretazione della normativa fiscale vigente. Si è tenuto conto di eventuali oneri derivanti da contestazioni notificate dall'Amministrazione Finanziaria e non ancora definite oppure il cui esito è incerto.

Vi abbiamo illustrato le strategie di tax planning significative che sono state poste in essere nell'esercizio in corso o nei precedenti e che possono avere un effetto materiale sullo stanziamento per imposte dell'esercizio, o sulle attività e passività fiscali contabilizzate. Non sono previste nel breve periodo operazioni che possano portare alla tassazione dei saldi attivi di rivalutazione e delle altre riserve in regime di sospensione d'imposta. E' nostra la responsabilità per le assunzioni significative utilizzate nell'analisi dei redditi tassabili attesi allo scopo di determinare la ragionevole certezza del recupero delle attività per imposte anticipate.

20.   Vi confermiamo che, limitatamente agli aspetti che possono avere un effetto significativo sul bilancio, la società opera nel rispetto delle normative di tutela ambientale stabilite dalle leggi nazionali e/o regionali vigenti, riguardanti:

a)         lo smaltimento di rifiuti speciali e tossico nocivi;

b)        lo smaltimento delle acque reflue;

c)         le emissioni in atmosfera.

Attestiamo altresì che la società opera nel rispetto delle leggi vigenti in materia di sicurezza e igiene del lavoro nonché di privacy.

20.   Vi confermiamo la completezza e attendibilità delle informazioni forniteVi con riguardo all’identificazione delle parti correlate e alle operazioni realizzate con tali parti che sono rilevanti rispetto al bilancio. Vi confermiamo che per “parte correlata” ed “operazione con parte correlata” abbiamo fatto riferimento alle definizioni contenute nello IAS 24 “Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate”. Vi confermiamo che per rilevanti intendiamo quelle operazioni che hanno un effetto significativo e rilevante sui dati di bilancio o sul processo decisionale dei destinatari del bilancio.

21. Vi confermiamo che nella nota integrativa del bilancio sono state fornite le informazioni richieste dall’art. 2427, comma 1, punto 22-bis) del Codice Civile in tema di operazioni realizzate con parti correlate, precisando l’importo, la natura del rapporto ed ogni altra informazione necessaria per la comprensione del bilancio relativa a tali operazioni, qualora le stesse siano rilevanti e non siano state concluse a normali condizioni di mercato. Nella circostanza in cui le operazioni rilevanti realizzate con parti correlate fossero state concluse a normali condizioni di mercato, Vi confermiamo di averVi messo a disposizione tutte le informazioni o elementi a supporto della nostra conclusione. Vi confermiamo di aver fornito nella relazione sulla gestione apposita e puntuale informazione sulle operazioni con imprese controllate, collegate, controllanti e imprese sottoposte al controllo di queste ultime con indicazione dei saldi debitori o creditori, delle vendite, degli acquisti, di altri ricavi o costi, dei contratti di leasing e delle garanzie. Infine, nel caso di operazioni atipiche o inusuali con parti correlate, è stato esplicitato l’interesse della Società al compimento dell’operazione.

22. Vi confermiamo che il bilancio d’esercizio e consolidato, i relativi allegati e la relazione sulla gestione che Vi trasmettiamo unitamente alla presente lettera  sono conformi a quelli che saranno depositati presso la sede sociale. Ci impegniamo inoltre a darVi tempestiva comunicazione delle eventuali modifiche che fossero apportate ai suddetti documenti prima del deposito.

E’ nostra la responsabilità di informare il revisore circa l’emergere di eventi che possano avere un effetto sul bilancio tra la data di rilascio della relazione e la data di approvazione del bilancio.

Con la presente dichiarazione la Società riconosce e conferma inoltre che la completezza, attendibilità e autenticità di quanto sopra specificamente attestato costituisce, anche ai sensi e per gli effetti degli artt. 1227 e 2049 Cod. Civ., presupposto per una corretta possibilità di svolgimento della Vostra attività di revisione e per l’espressione del Vostro giudizio professionale, mediante l’emissione della relazione sul bilancio.

 Cordiali saluti

(Nome della società)

Amministratore Delegato